Bar Bio: ma è proprio tutto bio?

zucchero bio

Lo zucchero nei bar bio, raffinato o grezzo?

Essere biologico suona un po’ come Essere John  Malkovich.

Per chi non l’avesse visto, il film del 1999 è una pellicola molto particolare, una di quelle che ti fa riflettere sulla ricerca dell’identità.

E anche qui, oggi, parliamo della ricerca di identità, ma sul piano gastronomico. In particolare, di un’identità biologica, che per molti bar è diventata una vera tendenza culinaria e non solo culinaria.  Ve ne sarete accorti.

I bar bio sono spuntati come i funghi e in comune non hanno solo il cibo più buono e sano, ma anche una certa tendenza a somigliarsi nello stile.

Nulla di male sia chiaro. Perché rendersi riconoscibili serve a comunicare meglio “chi siamo” e da che parte stiamo. E i bar bio lo fanno scegliendo la morbidezza dei toni con colori che tendono al pastello e alla prevalenza del bianco, del verde, dell’arancione… Cosa dire dell’offerta gastronomica?

L’offerta gastronomica si distingue da quella convenzionale e si caratterizza per la vendita di alimenti stagionali, con frutta e verdura fresca, di corta filiera, e anche con ricche vetrine di “dolce e salato” adatti agli intolleranti e ai puristi vegani.

Insomma, una rivoluzione gastronomica.  

Cosa vuol dire cibo biologico?

Il bar bio è un bar con prodotti biologici, ma cosa significa biologico?

Senza usare definizioni tecniche – per essere il più sintetici possibili – mangiare bio significa mangiare cibi naturali, genuini, preparati con ingredienti che provengono dall’agricoltura biologica, quelli che ci regala la terra e che hanno un sapore naturale perché privi di sostanze chimiche non solo nocive, ma anche responsabili di alterare il gusto degli alimenti (a causa di coloranti, conservanti, additivi di sintesi e processi di conservazione).

E l’obiettivo dei bar bio è proprio quello di offrire una valida alternativa all’offerta gastronomica tradizionale.

L’integrità biologica, però, vacilla se pensiamo che fra molti prodotti in realtà non sono proprio così biologici, anzi sono raffinatissimi e sottoposti a complessi processi di trasformazione.

Lo zucchero, ad esempio. La nota stonata.

Perché in molti bar bio, lo zucchero resta quello di sempre, per nulla biologico eppure onnipresente per sua stessa natura. Dal caffè ai vari dolci e cornetti di ogni foggia, lo zucchero è come il “signor prezzemolo”.

Lo zucchero biologico

Quando parliamo di zucchero biologico, intendiamo riferirci a quel tipo di zucchero che non è raffinato. E che dovrebbe esser presente in ogni bar bio.

Come è noto, si ricava lo zucchero dalla barbabietola o dalla canna da zucchero, dai quali viene estratto il succo zuccherino grezzo. Il processo di trasformazione  industriale lo rende raffinato privandolo della sua identità, distruggendone in pratica sostanze organiche, proteine, enzimi e sali di calcio.

Per eliminarne il colore scuro si prosegue poi con il trattamento che impiega acido solforoso e per altri procedimenti di cottura, raffreddamento, cristallizzazione e centrifugazione.

Infine lo zucchero, per diventare bianco e cristallino, come siamo abituati a vederlo – ormai privo della sua essenza zuccherina – viene decolorato con carbone animale e colorato con il colorante blu oltremare o con il blu idantrene. Sostanza cancerogena perché proveniente dal catrame.

Con questo zucchero, che non ha più nulla della sua vera natura, si dolcificano i vari alimenti.

La polemica sugli effetti collaterali dello zucchero raffinato si è arricchita di tinte fosche, tra conferme e smentite sulla nocività dello zucchero per la salute.

Per darvi un approfondimento sulle scoperte più recenti, segnaliamo una pagina interessante. (https://www.repubblica.it/salute/2017/11/23/news/_l_industria_dello_zucchero_smenti_i_dati_sui_rischi_per_la_salute_-181863686/), dove si riportano studi, dati sui reali effetti dello zucchero.  

Quale zucchero usare?

Zucchero grezzo di canna. Sì, ma non tutto lo zucchero di canna è biologico. Spesso è zucchero colorato. Lo zucchero naturale, biologico, lo trovi nei negozi specializzati in prodotti bio. E lo riconosci perché ha un profumo simile a quello della liquirizia, oltre a risultare lievemente umidiccio al tatto.

Per dolcificare bevande e cibi, si possono anche usare altri ingredienti: malto; sciroppo d’acero; succo d’agave oppure del buon sano miele.

In ogni caso, in ogni bar bio per essere tale dovrebbe avere lo zucchero non raffinato, per garantire la qualità dell’alimentazione biologica a 360°.

2 risposte a “Bar Bio: ma è proprio tutto bio?”

  1. Ho letto da qualche parte che ogni anno muoiono circa 200 mila persone per colpa dello zucchero. Per non parlare dei controllori…

  2. A me piace Lo zucchero di betulla, noto anche come xilite o
    xilitolo, è un dolcificante vegetale naturale
    Dolce come lo zucchero, 40% di calorie in meno
    Preserva i denti
    Mantieni basso il livello ematico di glucosio
    Indice glicemico basso pari a 7

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *