Niente distanza è ora di più contatto umano: Finalmente le barriere sono state abbattute,da cosa ripartire? Cibo e umanità

Immagine gratuita di adulto, affamato, all'aperto

Ebbene miei cari lettori, finalmente possiamo dirlo,questo Covid-19 ce lo lasciamo alle spalle!

Certo,non sarà facile tornare alla normalità di tutti i giorni, purtroppo la paura ed il terrore che ci è stato inculcato in questi mesi è ancora dentro di noi, però è il momento di reagire e tornare alle nostre vecchie,ma anche nuove, abitudini!

Non vedete l’ora di tornare nel vostro ristorante preferito? Magari con i vostri amici più cari o i vostri familiari che non avete potuto vedere per tutto questo tempo? Bhè miei cari lettori,io si!

Da un lato questa pandemia ci ha re-imparato a vivere più lentamente,ci ha permesso di assaporare la vita che abbiamo dato sempre per scontato,una vita che scorre troppo di fretta e che noi stavamo “perdendo” alienandoci da noi stessi.

Come ha scritto Silvia Avallone nel “Corriere della Sera”, questa pandemia ci ha permesso di riscoprire molti lati di noi,anche quelli più bui, in quanto è stata l’occasione perfetta per imparare a non seguire le regole della vita in cui siamo obbligati a sembrare felici e a farlo vedere a tutti e nel quale vigeva l’assoluta competizione.

Ma ad oggi,dopo che il virus finalmente ci ha lasciati, di tutta quell’apparenza cosa ce ne facciamo? È stato molto più potente lui,che invisibile come era,ha bloccato tutto il mondo, è da prenderne atto….

Torneremo alle nostre folle,che prima abbiamo tanto odiato e che oggi abbiamo atteso così tanto, torneremo ai concerti,non ne perderemo più neanche uno, ai nostri viaggi, che tanto abbiamo rimandato “perchè non era il momento” ma che invece lo è sempre, torneremo ma tutto ciò lo faremo con una consapevolezza diversa, ovvero che dobbiamo ricominciare da noi. 

Ricominciare dai nostri sentimenti, i nostri desideri,i nostri pensieri ed i nostri segreti, perchè sono loro ciò di cui abbiamo realmente bisogno e non dell’apparenza che tanto abbiamo voluto.

Per la prima volta, dopo tanto tempo,potremmo uscire e riabbracciare i nostri cari e non c’è cosa migliore di ricominciare con loro in uno dei nostri locali preferiti! 

Chi dal parrucchiere,chi al ristorante,chi all’estetista o magari chi semplicemente ad un bar per bere una tazza di tè in compagnia, insomma, il motto che dobbiamo stabilire è “ricominciamo!”.

Niente più distanza, finalmente queste “barriere” sono state abbattute, c’è bisogno di contatto umano per ripartire!

Gli spazi che prediligiamo da sempre per socializzare spesso sono collegati al cibo, si sà non c’è cosa migliore di tornare a socializzare davanti un bel piatto di Carbonara o qualsiasi altro cibo che voi adorate e che tanto attendete, non credete? 

Oppure cosa ne pensate di tornare al centro della vostra città e fare shopping per i negozi?

È uno dei miglior modi per tornare alla normalità, ricominciando a vestirci bene ogni giorno, prendendoci cura di noi stessi, è fondamentale, ci permetterà di trovare la voglia e il “coraggio” di riuscire da casa senza timore, perchè si sa, gli abiti sono la nostra seconda pelle e dobbiamo sentirci sempre a nostro agio per incontrare gli altri!

Il benessere psicologico passa anche dal cibo e dalle relazioni, confrontarsi con gli altri, stare insieme in un ristorante,sentirsi al sicuro in compagnia, sono cose fondamentali per la ripartenza del nostro territorio e di noi stessi, il cibo è da sempre fondamentale nelle nostre vite, ci ha accompagnato nei momenti di tristezza in questi mesi ma oggi è il momento che il cibo riprenda il suo regolare compito,quello di accompagnarci nei momenti di felicità e di allegria.

Basta pensare alle feste, dove la felicità è accompagnata dalla tavola imbandita! Da sempre il cibo è sinonimo di umanità.

Dobbiamo assumerci la responsabilità di rendere migliore ogni istante della nostra vita, ma anche e soprattutto delle persone intorno a noi che faranno lo stesso. Fare del bene in questo periodo non è una cosa banale, è un modo per migliorarsi e riprendere in mano la nostra vita, è un modo per prendere consapevolezza di noi stessi.

È fondamentale non isolarci, di combattere con le nostre paure che tanto ci hanno afflitto in questo periodo, di vivere le nostre perdite e condividerle con le persone più care perché questa chiusura forzata dal mondo non ci ha permesso abbastanza di capire a pieno le nostre emozioni, è ora di condividerle con gli altri.

Tornare alla normalità non sarà un percorso facile per diversi aspetti che ci  hanno colpito, come il fattore economico,sociale ma soprattutto psicologico.

Sul fattore psicologico si sono espressi innumerevoli esperti ed hanno affermato che questa pandemia ha colpito tutti, sia chi aveva già malattie mentali e che quindi nella fase del lockdown non hanno avuto grandi problemi, ma gli stessi di tutta la popolazione.

In molti sono stati meglio in quanto hanno condiviso il loro malessere, mentre oggi, hanno diversi problemi nella ripartenza in quanto hanno maggiore paura nel riaffacciarsi al mondo esterno che fino ad oggi hanno potuto evitare.

Chi non era affetto da malattie mentali, nel lockdown hanno avuto diversi problemi di insonnia e attacchi di ansia, che ancora oggi nella ripartenza si fanno sentire e nella fase attuale lo stress accumulato, non permette di uscire di casa ed esporsi ai rischi senza alcuna difficoltà, anzi, in molti preferiscono ancora rimanere in casa.

È una fase che ha visto un netto aumento delle malattie mentali ed è per questo motivo che dobbiamo cercare di ricominciare!

È necessario riprendere la nostra vita ma è giusto anche ricordare a noi stessi che è stato possibile ripartire grazie ai nostri sacrifici,che non è stato vano tutto questo in quanto fa bene alla nostra salute mentale e fisica ricordarlo.

Un giorno ci guarderemo indietro e penseremo a questi mesi come ci hanno cambiato la vita e saremo felici di vedere come ne siamo usciti.

Ed ora, siete pronti finalmente a ricominciare e a riprendere in mano la vostra vita?!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *