Sveglia, ristoratori!

Un Leone Ruggente

Lavoro è quando una persona dedica gran parte del proprio tempo (circa 6 ore) ad esso e allo stesso tempo vive con la famiglia, si diverte e si informa. Lavoro non è arrivare a stento a fine mese e non interessarsi della politica altrimenti si diventa schiavi senza accorgersene.

Voi imprenditori della ristorazione non vi siete mai ribellati e non avete mai tentato di aprire, come vi abbiamo detto in altri articoli. Vi abbiamo riportato il caso de “La torteria” di Rosanna Spatari come esempio più eclatante: 150 multe e 5 sigilli, senza distanziamento e senza mascherine, il suo locale sempre affollato e non ha mai abbassato la saracinesca. Essere imprenditori è ben oltre il servire pizze o caffè. Molti vanno in tv o in piazza ad elemosinare consensi; ignari di quello che sta succedendo e del progetto “Great reset” attualmente in atto.

Allora spegnete quel contenitore di bugie chiamato tv e se proprio volete conoscere la verità seguite il canale 262 ByoBlu , seguite l’avvocato Fusillo https://t.me/difendersiora , l’Avvocato Domenico Monteleone con “L’Aggiusta Tg”. Per quanto riguarda i vaccini, consigliamo lo scienziato Stefano Montanari https://www.facebook.com/stefanomontanari.net e la Dottoressa Silvana De Mari.

Per essere sempre aggiornati su ciò sta succedendo intorno a voi, seguite la pagina telegram https://t.me/buffonatedistato

Sveglia! Non è solo una questione di virus, va ben oltre.

La Dott.ssa Bolgan afferma:” Il Sars-Cov-2 è un virus che attecchisce nell’intestino e solo successivamente attacca i polmoni”.

Di conseguenza si contrae per ingestione, non per inalazione; probabilmente attraverso dei batteri contenuti nell’acqua o tramite irrigazioni aeree che si depositano in agricoltura.

A questo punto ci chiediamo: “a cosa servono le misure di protezione come la mascherina, il distanziamento sociale e il coprifuoco?” “A che serve il tampone rinofaringeo se sappiamo essere inattendibile?”

E, soprattutto, chi è che sta introducendo questi batteri che “veicolano” il virus?

L’umanità sarà radicalmente trasformata dalla tecnologia del futuro.

Il transumanesimo è un movimento culturale che afferma la modernità tecnologica al fine di ottenere, per il genere umano, benefici: fisici e biologici; quindi il miglioramento della salute e l’allungamento della vita; mentali: come il potenziamento delle capacità intellettive e sociali; come un miglior controllo e organizzazione.

Siamo sotto attacco: microchip, 5g,  scie chimiche, onde e robot in grado di sostituire l’uomo nei suoi lavori e anche nel pensare. Il 5g è definito come una tecnologia di wireless ultra veloce che detiene il potenziale per connettere qualsiasi cosa, dagli smartphone alle auto a guida autonoma, ai mondi virtuali.

Vi è, tuttavia, un lato molto più minaccioso del 5G che viene determinato da armi a radiazione di onde millimetriche, che rimane nascosto al pubblico americano, poiché tutti i componenti di base del 5G (in particolare le Intelligenze Artificiali e le armi a energia diretta) sono totalmente dipendenti dallo spettro elettromagnetico. Le reti 4G utilizzano frequenze inferiori a 6 GHz, mentre il 5G utilizzerà frequenze d’onda estremamente elevate; da 24 GHz e fino a 90 GHz note come bande d’onda millimetriche. Solo una mente folle è in grado di concepire una tecnologia sperimentale e pericolosa come il 5G senza analisi di sicurezza o sanitaria. Non appena si intuisce una possibilità di guadagno, si inizia subito a spremerlo fino all’ultima goccia, senza pensar minimamente alle conseguenze che quella determinata azione possa causare al genere umano. Siamo sempre più scollegati dalla vita, dalla natura da noi stessi; in cui non viviamo più le nostre avventure ma le viviamo attraverso i film e le serie tv.

Francesco Oliviero(specializzato in psichiatria e malattie dell’apparato respiratorio) intende fornire notizie non date dai media a indagare in profondità a beneficio di tutti. Hanno sperimentato un altro tipo di tecnologia detta dei “nanochip”; molecole che verranno introdotte attraverso le vaccinazioni o addirittura, alcuni sospettano attraverso i tamponi. Questo è un attentato all’intera società perché per le persone non c’è la possibilità di dare il consenso informato. Mi viene somministrato un vaccino e nel frattempo con la scusa di avere un’immunità verso un virus mi vengono iniettati, a mia insaputa, dei nanochip. Il 5G, oltre a danneggiare l’intera persona e a modificarne il dna, permetterà di attivare i nanochip. A quel punto attraverso la somministrazione esterna di informazioni particolari, è possibile modificare il cervello della persona; può fargli fare cose che non era in grado di fare prima , può iniettargli farmaci da remoto, vaccini da remoto, può indurre un infarto in una persona senza che lui lo sappia. In sintesi, per il dottor Oliviero ci si ammala in quanto di fronte alla comunicazione di un tampone positivo si scatenerebbero dei non meglio precisati “conflitti interiori”.

Kary Mullis(inventore del tampone) insieme a stati come l’ Austria e il Portogallo sono convinti che i tamponi siano inattendibili.

Il debito pubblico sta esplodendo e peggiorerà per colpa della pandemia e quindi bisogna eliminarlo. Ed ecco il “Great reset”.

Il “Great Reset” è una proposta del “World Economic Forum”(WEF) per ricostruire l’economia in modo sostenibile dopo la pandemia. Presentato nel maggio del 2020 dal principe del Galles e dal direttore del (WEF) Klaus Schwab. Il fondo monetario internazionale ha come partner di riferimento le 500 maggiori multinazionali, banche mondiali e alcuni partner strategici come Astrazeneca, sempre più protagonista di questa pandemia. Si parla sempre più di “debito universale” ossia di cancellare il debito pubblico in cambio di un sensore che preleva tutti i dati biometrici; li riporta a un cloud (in fase di costruzione a Milano con una partnership tra Poste Italiane e Microsoft).

In cambio di tutti i dati biometrici viene fornita una somma pari a 1.200€ ma è inutile gioire chiudendo l’attività. Non è così, nessuno dà niente per niente; piuttosto bisognerebbe pretendere che uno Stato metta i suoi cittadini in condizioni di poter lavorare. Stiamo assistendo ad un processo di cinesizzazione delle masse dove non esisterà più l’individuo. Non potremo avere più le proprietà private e saremo contenti lo stesso, come dice Klaus Schwab.

Trasferite le informazioni ai vostri dipendenti, datori, colleghi.

Aprite gli occhi e tirate su le serrande per non ritrovarvi senza lavoro e attività.